Angela Merkel e Silvio Berlusconi © GettyImages

Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi

È una giornata di continui rialzi e record per lo spread tra Btp e Bund decennali (vedi glossario) con un punteggio che ormai ha toccato i 290 punti (il tasso dei Btp a 10 anni è salito al 5,58%), ma ai massimi c’è anche il differenziale di rendimento tra i titoli di Spagna e Germania a 322 punti. Ormai è diventata una corsa contro il tempo: per rispondere all’attacco speculativo lanciato dai mercati finanziari (che stanno cercando di approfittare delle incertezza europee date dalla Grecia e dai dubbi sulla manovra italiana sul debito pubblico), serve un segnale di stabilità. Un segnale che può arrivare da un’approvazione rapida della Manovra, provvedimento difeso non solo dal governo italiano, ma anche dalla Germania che vuole limitare la turbolenza dei mercati. “L'Italia è sulla strada giusta” e la manovra è “molto convincente”, ha confermato il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, al suo ingresso al consiglio Eurogruppo. Sulla stessa linea il cancelliere tedesco, Angela Merkel, che ha chiesto all'Italia tempi brevi e “un segnale importante, cioè l'adozione di un bilancio rispondente alle esigenze di risparmio e di consolidamento. Ho piena fiducia – ha aggiunto il cancelliere – che il governo italiano approvi esattamente una manovra di questo tipo, di cui ho discusso con il premier italiano”.
Ma anche l’Italia è consapevole dell’attuale responsabilità sulla scena economica europea (se non mondiale). “Un'approvazione rapida della manovra può fermare la speculazione perché significa dare certezza sui contenuti e sulla solidità del bilancio del Paese”, ha ribadito Gilberto Pichetto Fratin, relatore alla Manovra in commissione Bilancio al Senato. In ogni caso - spiega il relatore - l'ultima parola sul calendario dei lavori è affidata alle Presidenze di Senato e Camera. “Il momento è delicato - aggiunge il relatore - il peso di interessi geografici, settoriali o microsettoriali passa in secondo ordine rispetto alle esigenze del Paese”. E sulle possibili modifiche aggiunge: “E’ possibile fare dei cambiamenti nei contenuti ma a saldi fermi”.

Btp, Bund, Spread e Rating: ecco il significato