BusinessPeople

Risorse anche per i cantieri

Risorse anche per i cantieri Torna a Sblocca Italia: ecco come ripartirà il nostro Paese
Giovedì, 28 Agosto 2014

La dotazione disponibile consentirà di dare il via libera a infrastrutture prioritarie come l’alta velocità Napoli-Bari che dovrebbe essere anticipata al 2015

In attesa di conoscere gli esiti del vertice atteso per le prossime ore tra il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan – che proprio ieri ha chiarito che è da escludere qualsiasi ipotesi di sforamento del tetto del 3% - e quello delle infrastrutture Maurizio Lupi sembra ormai appurato che i fondi di cui già dispone lo Sblocca Italia, circa 3 miliardi, serviranno a sbloccare i cantieri di alcune infrastrutture considerate particolarmente urgenti come le ferrovie Brescia-Padova, la Palermo-Catania – Messina. Come già anticipato alcuni giorni fa dallo stesso ministro Lupi, dovrebbe essere anticipata al novembre 2015 l’avvio del cantiere per la realizzazione dell’alta velocità Bari-Napoli che in precedenza era previsto per il gennaio 2018. Il costo complessivo dell’opera è previsto in 4,5 miliardi di euro.

Tra gli interventi per i quali dovrebbe essere possibile secondo quanto dichiarato dallo stesso Lupi, trovare le coperture “tra legge di stabilità e decreto sblocca Italia” anche quelli che riguardano misure urgenti per aeroporti di interesse nazionale come Malpensa, Venezia e fiumicino o la rete autostradale come la Valdastico Nord o il raccordo tra Veneto e Trentino.

Il d-day è fissato a domani venerdì 29 agosto. Quando, nella staffetta tra Palazzo Chigi e Tesoro, si tireranno le somme sulle coperture a sostegno dei provvedimenti che approderanno venerdì in Consiglio dei ministri. Preambolo propedeutico al decreto Sblocca-Italia che, nell’agenda dei lavori in corso, annovera tra gli appuntamenti cruciali anche l’incontro, fissato sempre per domani, tra il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, e il collega dell’Economia, Pier Carlo Padoan.

Un appuntamento, annunciato al meeting di Rimini dal titolare del dicastero di Porta Pia, per fare il punto sull’elenco di interventi da lui considerati «chiave». Dall’alta velocità Napoli-Bari (si punterebbe ad anticipare al 2015 l’apertura dei cantieri) alla linea ferroviaria Palermo-Messina-Catania, passando per la Valdastico Nord. «Tra legge di stabilità e decreto sblocca Italia si troveranno le coperture per le azioni necessarie al rilancio del Paese», ha sottolineato il ministro Lupi. Rimandando «al primo gennaio 2015» la restante parte delle risorse necessarie.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media