È proprio il caso di dirlo: il tempo è denaro. Il meteo – l’Italia, purtroppo, lo sa bene – incide sempre di più sull’economia del Paese. Per questo il governo britannico ha annunciato un investimento da 97 milioni di sterline per la realizzazione di un supercomputer destinato al Met Office, il servizio meteorologico del Regno Unito, che secondo le autorità consentirà di predire gli eventi estremi e, una volta in funzione, porterà benefici socioeconomici per 2 miliardi di sterline, consentendo di mettere a punto in anticipo piani di emergenza per proteggere abitazioni e aziende.
Il supercomputer peserà 140 tonnellate, sarà in grado di eseguire 16 milioni di miliardi di calcoli al secondo e sarà 13 volte più potente del sistema attualmente usato al Met Office. Il sistema inizierà ad essere operativo a settembre del prossimo anno, raggiungendo la piena capacità nel 2017.

Siete interessati sull’impatto economico del meteo? Sul numero di Business People novembre (in uscita tra pochi giorni) cinque pagine dedicate all’argomento!