Tra il 2009 e il 2010, per un quarantenne del nord Italia con un'autovettura di media cilindrata il premio Rc Auto è aumentato di oltre il 20%; per una sessantacinquenne del sud con un'autovettura medio piccola l'aumento è stato del 15-20%, mentre per un diciottenne che vive nelle isole con un ciclomotore il rincaro è stato del 30%. Sono solo alcuni esempi che il presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà, ha recentemente utilizzato per denunciare gli aumenti a due cifre per le polizze assicurative che, negli ultimi anni, sarebbero continuati ad aumentare con punte del 25% per le auto e addirittura del 35% per le moto.
Nel corso di un’audizione in Senato il Garante ha sottolineato il record negativo del nostro Paese dove “l'incremento medio dell'ultimo quinquennio dei premi per l'assicurazione dei mezzi di trasporto è stato quasi il doppio di quello registrato nella zona euro”. A dare manforte alle denunce dell'Antitrust arrivano anche quelle dei consumatori. Secondo Adusbef e Federconsumatori, l'impennata “irrefrenabile” dei premi in dieci anni è stata del 98%.