Pil Italia peggiore delle attese: l’Istat vede un 2020 a -14,7%

© Getty Images

Peggiora il Prodotto interno lordo italiano. L’istituto nazionale di statistica ha infatti rivisto al ribasso le stime preliminari del secondo trimestre 2020, che passano da un calo del Pil del 12,4% al 12,8%. Sulla base di questo risultato l’Italia dovrebbe vedere crollare il Pil nel 2020 del 14,7%. 

Rispetto al trimestre precedente, l'Istat conferma come tutti i principali aggregati della domanda interna sono in diminuzione, con cali dell’8,7% per i consumi finali nazionali e del 14,9% per gli investimenti fissi lordi. Le importazioni e le esportazioni sono diminuite, rispettivamente, del 20,5% e del 26,4%.

Italia: la crescita del Pil manca da un anno

Come rilevato dall’agenzia Adknronos , Con il -12,8% congiunturale certificato dall'Istat per il secondo trimestre del 2020 (un dato evidentemente influenzato dalle ricadute del blocco deciso per la pandemia di Covid), si conferma la lunga striscia di mancata crescita per la nostra economia. L'ultimo segno più - un +0,1% - risale al secondo trimestre del 2019.