Pier Carlo Padoan

© Getty Images

«L’economia italiana è ancora in contrazione per effetto di problemi che esistono da tempo e non certo per le riforme in corso che, nonostante il percorso non brillante, alla fine riusciranno a dispiegare i loro effetti. Ma perché questo avvenga, occorrerà attendere i prossimi due anni e non certo pochi trimestri».

Queste in sintesi le dichiarazioni rilasciate dal ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, nell’ambito di un’intervista concessa alla radio inglese Bbc Radio4 a pochi giorni di distanza dal monito della Bce sulla necessità che i Paesi dell’Eurozona moltiplichino gli sforzi per attuare le riforme.

Il ministro dell’Economia ha anche affermato di aspettarsi che nel 2014 per l’Italia una crescita «di molto inferiore» rispetto alle stime iniziali.