Le famiglie italiane hanno 20 mila euro di debiti ciascuna. Lo racconta l'ufficio studi della Cgia di Mestre con una fotografia al 31 dicembre 2016 dell'esposizione bancarie delle famiglie. Tra mutui immobiliari, prestiti, crediti al consumo e finanziamenti vari, ogni famiglia in media deve restituire 20.341. Ma c'è debito e debito.

Perché la regione con i rossi più importanti è la Lombardia. Al primo posto ci i residenti in provincia di Milano, con un debito di 29.304 euro; al secondo posto quelle di Monza-Brianza, con 28.901 euro e al terzo posto le residenti a Lodi, con 27.744 euro. Seguono Varese (27.198 euro) e Como (27.108). La prima provincia non lombarda è Prato, al sesto posto con 26.988 euro davanti a Roma (26.792). Pochi debiti invece a Reggio Calabria (10.037), Vibo Valentia (9.284), Ogliastra (9.151) e soprattutto Enna con poco più di 9 mila euro a famiglia (9.072). Nell'insieme, i debiti accumulati con le banche e gli istituti creditizi ammontano a 525,9 miliardi di euro, +1,6% rispetto al 2015.

«Premesso che le aree provinciali più appesantite dai debiti sono quelle che presentano i livelli di reddito più elevati», commenta però il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo, «è evidente che anche in queste zone tra gli indebitati vi sono molti nuclei appartenenti alle fasce sociali più deboli. Tuttavia, le forti esposizioni bancarie di questi territori, soprattutto a fronte di significativi investimenti avvenuti negli anni scorsi nel settore immobiliare, non destano particolari problemi che, invece, scontiamo in altre aree del Paese, in particolar modo nel Sud”.