© Getty Images

Prelievo del 19% sui guadagni futuri all'estero per le aziende americane e una tassa invece obbligatoria al 14% sui profitti offshore (circa duemila miliardi). Così il presidente Usa Barack Obama "accontenterà" le aziende, secondo Bloomberg.

Il problema è che le aliquote riportate dalla indiscrezioni sono molto più alte di quelle attese. Le imprese chiedevano infatti un sistema con un'aliquota marginale di imposta più bassa e con i guadagni futuri realizzati all'estero soggetti a un piccola tassa in più se fatti rientrare.

Le aziende che hanno spostato di giurisdizione di profitti - ad esempio in Irlanda - pagano meno del 10% sui guadagni all'estero. Con i nuovi fondi, Obama vorrebbe finanziare un programma di costruzione di strade, ponti e altri progetti infrastrutturali.