© Getty Images

Un futuro senza scontrini, ricevute fiscali e senza blitz del Fisco nei locali pubblici. È quello che prospetta il diretto dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi, intervenuta in occasione di un dibattito sulla lotta all’evasione in programma alla Camera dei deputati.
Secondo Orlandi “l’attuazione della completa tracciabilità (dei pagamenti, ndr ) comporterà l’abbandono di alcuni strumenti risultati inefficaci (come i misuratori fiscali e le ricevute fiscali), con minori oneri per le imprese e il progressi abbandono di controlli massivi sul territorio da parte dell’amministrazione finanziaria”.
Sulle imprese minori, ha inoltre detto Orlandi, “è in corso una profonda riflessione: è necessario sia favorire la semplificazione degli adempimenti, sia modernizzare gli studi di settori, in funzione del rafforzamento della compliance e di una diversa relazione fisco-contribuenti per costruire un rapporto di fiducia”.