Dopo un 2010 chiuso in negativo, con oltre 111 mila veicoli immatricolati in meno rispetto al 2009, i primi mesi del nuovo anno sembrano per il settore del motociclo la conferma del perdurare di un momento difficile. “Un minimo conforto arriva dall’andamento del mercato dell’usato (+1,9%), che testimonia la passione immutata degli italiani per le due ruote, ma anche la scarsa disponibilità finanziaria dovuta alla crisi”, ha dichiarato Corrado Capelli, Presidente di Confindustria Ancma, secondo il quale il calo delle vendite è dovuto anche al venire meno degli incentivi.