Da domani, mercoledì 3 novembre, tornano gli incentivi per motorini, motori nautici e trattori, ovvero per i prodotti più richiesti e per i quali le risorse messe a disposizione a partire dallo scorso aprile sono andate letteralmente a ruba. I tre settori potranno quindi beneficiare delle disponibilità residue degli altri sette comparti incentivati, le cui risorse, stanziate a partire dallo scorso aprile, non sono ancora state del tutto consumate. Con il provvedimento firmato dieci giorni fa dal ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, tutte le disponibilità rimaste dei 300 milioni previsti in primavera come antidoto anticrisi confluiranno in un fondo unico da 110 milioni di euro.
Fino a esaurimento delle risorse disponibili, sarà quindi possibile chiedere ancora gli sconti per cucine, efficienza energetica industriale, elettrodomestici, gru per l'edilizia, macchine agricole, motocicli, nautica, immobili ad alta efficienza energetica, rimorchi e banda larga. Tutti settori a forte presenza di imprese italiane, a partire proprio da quelli che potranno usufruire di nuovi fondi.
Le modalità di richiesta degli incentivi da parte dei negozianti rimangono identici, coinvolgendo Poste Italiane, così come le percentuali di sconto per categoria di prodotto (vedi tabella). L’indirizzo a cui i negozianti devono collegarsi per avviare le pratiche di richiesta è sempre http://incentivi2010.sviluppoeconomico.gov.it. Nel frattempo, dovrebbero anche essere partiti anche i rimborsi per le somme anticipate dai rivenditori nei mesi passati.

La tabella degli incentivi