Ernesto Bertarelli © Getty Images

L’imprenditore italiano, Ernesto Bertarelli, naturalizzato svizzero, si colloca all’ottavo posto della classifica stilata dal mensile Bilanz , con una fortuna stimata in circa 9 miliardi di euro

Come ogni anno il mensile economico Bilanz ha stilato la classifica dei 300 svizzeri più ricchi. Dall’analisi emerge che le fortune dei cittadini (o residenti) più benestanti nella Confederazione sono aumentate del 12% rispetto all’anno precedente raggiungendo la cifra di 627 miliardi di franchi, poco più di 500 miliardi di euro, quasi l'intero Pil della Svizzera. Al vertice della classifica si conferma Ingvar Kamprad, fondatore di Ikea che dispone di un patrimonio di 42 miliardi di franchi (circa 35 miliardi di euro). In seconda posizione le famiglie Hoffmann e Oeri, proprietarie di Novartis, con una fortuna di 22-23 miliardi di franchi. In terza posizione Jorge Lemann che possiede, tra l’altro, la catena di fast food Burger King, il marchio Heinz (ketchup e salse) e circa il 14% di Anheuser-Busch InBev (produzione di birra), con un patrimonio di 20-21 miliardi di franchi.

GLI ITALIANI. Tra i miliardari ci sono anche diversi italiani. Ernesto Bertarelli, noto per aver vinto la Coppa America di vela con la barca Alinghi, si colloca all'ottavo posto del ranking con una fortuna stimata tra gli 11 ed i 12 miliardi di franchi (quasi 9 miliardi di euro); patrimonio che in un anno è cresciuto di un miliardo dopo che, Bertarelli è entrato nel business delle nanotecnologie. Gianluigi Aponte, titolare della compagnia di navigazione Msc Crociere, ha una ricchezza che sfiora i 9 miliardi di franchi (7 miliardi di euro). Tra gli italiani si trovano anche la famiglia Perfetti (dolciumi e caramelle) con 2,7 miliardi franchi svizzeri (quasi 2,2 miliardi di euro). Sopra la soglia del miliardo anche Sergio e Geo Mantegazza (turismo), la famiglia Zegna, Margherita Agnelli, MattiaMalacalza (settore immobiliare), i Loro Piana (lavorazione del cashmere) e i Fossati (eredi dell’inventore del brodo Star). A costoro vanno aggiunti i numerosi italiani ricchi che però non raggiungono un miliardo di patrimonio.