© Joe Raedle/ Getty Images

In Italia il mercato delle auto è cresciuto del 4,9% a novembre rispetto allo stesso mese del 2015 con 107.965 auto immatricolate. Anche se è presto per parlare di un’effettiva ripresa del settore, è comunque un “segno positivo”, commenta il presidente AnfiaRoberto Vavassori, che aggiunge: “Dopo un primo semestre in rialzo del 3,5% e un terzo trimestre a +4%, il bimestre ottobre-novembre ha superato del 7,4% le immatricolazioni nello stesso bimestre di un anno fa».

PIÙ IMMATRICOLAZIONI. Negli 11 mesi di quest’anno le iscrizioni delle vetture al registro della motorizzazione sono cresciute del 4,3% rispetto allo stesso periodo del 2013 (1.267.517 immatricolazioni). La crescita diffusa riguarda anche la motorizzazione di auto Gpl (+29,6%), a metano (13,6%) e ibride (18,9%), grazie alla registrazione di veicoli che hanno usufruito di incentivi Bec (per veicoli a Basse emissioni complessive).

GRUPPO FIAT CHRYSLER. Crescita anche per il Fiat Chrysler Automobiles, che a novembre 2014 ha immatricolato 29.500 vetture (+5,9%, valore superiore alla media nazionale attestata al 5%). La quota di mercato del gruppo sale al 27,3% (+0,2%). Le consegne negli 11 mesi del 2014 sono state 351.367 (+0,7%), mentre la quota è in flessione dell’1% al 27,7%.

MERCATO DELL’USATO. Segnali positivi anche per il settore delle auto usate che è cresciuto del 7,3% con i 372.943 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture ( trasferimenti temporanei al concessionario in attesta della rivendita al cliente finale) contro i 347.437 effettuati nello stesso periodo 2013. Nel periodo di gennaio-novembre l’incremento sfiora appena il 2% con 3.869.104 unità, rispetto alle 3.794.325 dell’anno scorso.

PROSPETTIVE FUTURE. Con questi dati quale sarà il bilancio del mercato dell’auto di fine anno? “Ci sono tutti gli elementi per confermare una previsione di chiusura d’anno positiva”, spiega Vavassori, che conclude con delle proiezioni: 1.356.000 unità immatricolate, circa 50 mila in più rispetto al 2013, volumi non distanti da quelli del 1979 (1.397.0391 unità), ovvero di 35 anni fa.