Silvio Berlusconi e Herman van Rompuy © GettyImages

Silvio Berlusconi riceve i complimenti dal presidente dell'Ue, Herman van Rompuy

“Un pacchetto ambizioso, di grande importanza non solo per l’Italia, ma per tutta l’Eurozona”. È il commento positivo del presidente dell’Unione europea, Herman van Rompuy che, al termine dell’incontro con il presidente del Consiglio, Silvio Berludconi, ha approvato le misure messe in piedi dal governo italiano per far fronte alla crisi. Nel corso del suo intervento Van Rompuy ha definito “cruciale” l’applicazione del pacchetto che prevede il pareggio di bilancio nel 2013. “L'Italia e la zona euro stanno affrontando un periodo molto difficile – ha aggiunto – noi dobbiamo reagire con determinazione e coraggio.
Rimasto in contatto con il premier italiano per tutto il mese di agosto (il più caldo dal punto di vista dei mercati) il presidente dell’Unione si è felicitato anche per il progetto di riforma costituzionale presentato al parlamento italiano per assicurare l'equilibrio di bilancio. “Si tratta di un altro passo importante nella buona direzione”, ha commentato van Rompuy.
I complimenti all’Italia (che ora non dovrò deludere le aspettative) arrivano anche da Amadeu Altafaj, portavoce del commissario Ue agli Affari economici: “Introdurre la regola del pareggio di bilancio in Costituzione fa crescere la credibilità del Paese. Finanze pubbliche solide - ha concluso - sono un prerequisito per la crescita a medio termine dell'Italia, ma allo stesso tempo riforme strutturali che aumentino il potenziale di crescita del Paese possono rendere più facile ottenere il consolidamento dei conti”.
Domani il voto di fiducia. La manovra, intanto, continua il suo iter legislativo. Un procedimento che sarà ulteriormente accelerato con la richiesta del voto di fiducia fatta dal governo in mattinata. La fiducia verrà votata domani, quando si terrà anche il voto finale sul provvedimento. Le dichiarazioni di voto sulla fiducia avranno inizio domani alle 11:30 e saranno trasmesse in diretta tv. A seguire ci sarà la chiama per la fiducia. Le dichiarazioni di voto finali sul provvedimento partiranno alle 18:30, anch'esse trasmesse in diretta televisiva. Al voto finale si giungerà tra le 19:30 e le 20.

Le misure scomparse dalla manovra (e che avremmo voluto)

Manovra: le misure definitive e di cui meno si parla