BusinessPeople

Segnalazioni Antitrust sul trasporto pubblico locale e gestione dei rifiuti

Segnalazioni Antitrust sul trasporto pubblico locale e gestione dei rifiuti Torna a Liberalizzazioni: “Benzina, banche e trasporti, c’è ancora molto da fare”
Mercoledì, 03 Ottobre 2012

Il grado di liberalizzazione del settore dei servizi pubblici è ancora insufficiente: l’affidamento diretto rimane la soluzione generalmente prescelta dagli Enti locali per la gestione dei servizi. Il necessario rispetto dell’esito del referendum e della giurisprudenza costituzionale suggerisce di evitare interventi normativi di carattere generale e di concentrare l’attenzione nei settori dove è maggiore lo spazio per la concorrenza, quali il trasporto pubblico locale e i servizi di gestione dei rifiuti (raccolta e trasporto). Per rendere competitivi questi settori occorre:
1) prevedere l’ingresso dei privati nei comparti profittevoli introducendo una compensazione sotto forma di royalty a favore dell’Ente locale che sussidia i comparti non profittevoli, in caso di comprovata compromissione dell’equilibrio economico finanziario del gestore pubblico;
2) per i servizi di gestione dei rifiuti trasformare il termine di durata minima di 15 anni attualmente previsto in un termine di durata massima. Ciò consentirà di evitare che il mercato resti chiuso alla concorrenza per periodi eccessivamente lunghi e non giustificati in ragione delle caratteristiche del servizio.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media