La scommessa di Italia Startup: 1 miliardo di investimenti in 3-5 anni

Portare gli investimenti in capitale di rischio dagli attuali 100 milioni a 1 miliardo di euro, in tre/cinque anni. È l’ambizioso obiettivo di Italia Startup, l’associazione di rappresentanza l’ecosistema delle start up italiane (non solo le imprese innovative, ma anche incubatori, investitori, aziende ed enti) che rinnova il suo Consiglio direttivo e la Presidenza, festeggiando un importante traguardo: in meno di un anno Italia Start Up è passata da 700 a 1.500 associati (1038 persone fisiche, 366 start up seed, 14 start up consolidate, 64 "partner" delle startup tra incubatori, investitori e abilitatori, 21 aziende mature).

Cinque le imprese entrate a fare parte dell’associazione – Altran, Arti Grafiche Boccia, DoveConviene, Grey United, Spindox – così come sono cinque i nuovi ingressi tra gli incubatori (BP Cube Business Incubator di Pesaro-Urbino, Fondazione Filarete di Milano, IDM Alto Adige - Südtirol di Bolzano, Impact Hub incubatore di Trento e PI Campus di Roma); quattro gli “abilitatori”, soggetti che svolgono un ruolo di connessione tra sistema economico e start up (Digital360, Far Consulting, Gozzoli Studio Legale, Studio Negri e Associati); e ancora quattro, infine, le start up consolidate associate: BeMyEye, Catapush, Chupamobile e Lanieri.