Sono in arrivo i 730 precompilati, voluti dalla riforma del Fisco. Ma chi potrà riceverli. La risposta arriva da Fiscopiù che chiarisce alcuni aspetti di questa rivoluzione.

Solo i professionisti che hanno acquisito una delega dal contribuente - per aggirare le questioni di privacy - e hanno formulato specifica richiesta online potranno ricevere la documentazione e i loro accessi all’Anagrafe Tributaria verranno tracciati e verificati a campione.

DESTINATARI. I destinatari dell'innovazione contributiva sono dipendenti e pensionati che lo scorso anno hanno presentato per il 2013 il modello 730 o il modello Unico persone fisiche (pur avendo i requisiti per presentare il modello 730), per i quali il sostituto d’imposta ha trasmesso senza ritardo la Certificazione Unica 2015 all’Agenzia delle Entrate.

Sono esclusi dai destinatari coloro che non risultano in possesso dei requisiti per la presentazione del modello 730 (partite Iva attive per almeno un giorno ecc.) e tutti coloro che hanno presentato dichiarazioni correttive nei termini o integrative ancora in gestione.
SICUREZZA. Con le credenziali fornite, il contribuente potrà accettare, modificare o integrare la propria dichiarazione. Per accedere i professionisti abilitati (nonché sostituti d’imposta che prestano assistenza fiscale e Caf), a cui è stata conferita la delega, dovranno effettuare specifica richiesta tramite file o tramite web.

Per farlo dovranno trasmettere codice fiscale e reddito complessivo nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno precedente, oltre che il numero e la data della delega ricevuta.