© Getty Images

Il punto sull’Italia da parte dei circa 300 investitori è stato fatto all’interno della sede londinese della Royal Bank of Scotland

Il 70% degli investitori stranieri è pronto a investire in asset italiani nei prossimi tre mesi. È questa la buona notizia, che conferma le parole del governatore Ignazio Visco ed emerge da un questionario a cui hanno partecipato in forma anonima alcuni dei più grandi investitori internazionali, che controllano ogni giorno molte migliaia di miliardi di dollari sui mercati globali. Le risposte, date a Londra lo scorso giovedì 21 marzo 2014, sono state pubblicate dal quotidiano la Repubblica e rappresentano il giudizio che i grandi fondi d’investimento (come Blackrock, Fidelity e Blackstone), fondi pensione, banche e società di risparmio gestito (come Schroders) hanno sul nostro Paese.

I RISULTATI. Nonostante ci sia interesse a investire, c’è altrettanto scetticismo sul fatto che il governo Renzi possa far passare tutte le riforme strutturali necessarie. La priorità per l’Italia? Tagliare le spese e la burocrazia, affrontando successivamente la riforma del mercato del lavoro. E dagli investitori il grande debito pubblico dell’Italia non è visto come un grosso ostacolo. Ce ne sono di molti più grandi. Quali sono? Li trovate al link qui sotto, dove abbiamo riportato le tabelle pubblicate dal quotidiano la Repubblica .

Domande sull'Italia a 300 grandi investitori esteri