Tsipras: «L'accordo è più vicino»

QUELLE CONTRO. Si è detto della rigidità della Merkel: proprio dal suo governo si alzano i venti più contrari all’accordo. Wolfgang Schaeuble, parlando delle proposte della Grecia, ha dichiarato «Ho appreso qualcosa, ma le mie prime impressioni non modificano comunque le dichiarazioni da me già espresse, anzi le confermano. Finora non ho ricevuto alcuna informazione secondo cui qualcosa di decisivo è cambiato in modo sostanziale». Ancora più pessimista il ministro degli Esteri finlandese Timo Solini, che ha descritto la Grecia come «un buco nero finanziario». Venerdì scade una tranche da 305 milioni verso il Fmi, con le casse greche a secco. Un altro motivo per accelerare i tempi, e allontanare i falchi dalla penisola.