© Getty Images

Un altro piccolo successo dalla lotta all'evasione fiscale. L'attività di accertamento e controllo infatti nei primi nove mesi dell'anno ha portato nelle casse dell'Erario 759 milioni di euro in più (+14,5%) rispetto allo scorso anno.

Una buona notizia alla quale fa da contraltare, però, il dato del ministero dell'Economia che segnala un calo dell'Iva dello 0,6% a settembre rispetto ad agosto. Con i consumi in stallo, le entrate fiscali dall'imposta sul valore aggiunto non stanno rispettando le previsioni. E la tendenza coinvolge le altre tasse.

LE ALTRE TASSE. Guardando ai dati generali, le imposte dirette hanno totalizzato 154,4 miliardi (-2,7%). L'Irpef segna -0,2% (-195 milioni), l’Ires addirittura -17,4% per le regole sugli acconti emanate lo scorso anno. Scende anche l’imposta sostitutiva su interessi e altri redditi di capitale (-9,8% pari a 750 milioni) e quella sostitutiva sul risparmio gestito e amministrato (-22%, -354 milioni). In ascesa invece il gettito delle ritenute sugli utili distribuiti dalle persone giuridiche (+106,9%).

Sul fronte delle gabelle indirette, l'imposta di bollo segna -2,6%, le accise sui prodotti energetici va a +6%, quella sul gas a +17% e quella sull’energia elettrica a +14,4%.