Via al progetto ‘Rete Italia’, il piano di Fiat per lo sviluppo di un “nuovo modello distributivo” sull'intera rete di vendita e assistenza Fiat, Alfa Romeo, Fiat Professional e Abarth. Per farlo il Lingotto si impegnerà direttamente per promuovere e implementare il processo di rinnovamento della rete distributiva che – previsto da giugno 2013 – passa anche attraverso la disdetta degli attuali contratti di concessione con preavviso di 2 anni. “L'identificazione del nuovo profilo dei concessionari – spiega Fiat in una nota – avverrà sulla base di parametri di eccellenza sia in termini di ‘customer satisfaction’ sia di efficienza aziendale”. I contratti della nuova rete verranno adeguati alle novità legislative comunitarie di recente introduzione e l’assetto definitivo avverrà nel 2013.
Secondo Fiat ‘Rete Italia’ nasce dall'analisi e valutazione dell'andamento del settore automobilistico che negli ultimi anni è stato particolarmente colpito dagli effetti della crisi economica mondiale. “Quest'ultima – sottolinea l’azienda – ha generato una significativa contrazione dei volumi di vendita e inciso anche sulla profittabilità del business delle concessionarie”.