© Getty Images

Lo spettro della deflazione diventa realtà nell'Eurozona: l'indice dei prezzi al consumo di Eurostat segna -0,2% a dicembre rispetto a un anno fa, a picco dopo lo 0,3% di novembre.

Un dato negativo non si registrava dall'ottobre 2009, quinto e ultimo mese consecutivo della crisi dei prezzi.

ITALIA GIU'. In Italia prezzi fermi a con l'indice medio annuo che segna +0,2%: è il dato più basso dal 1959. Tutta colpa del petrolio che ha fatto registrare -6,3% nei prezzi energetici continentali.

In piena deflazione la Spagna (-1,1%), inflazione vicina allo zero in Germania. Tornano così d'attualità le parole di Mario Draghi che aveva paventato qualche giorno fa il pericolo deflattivo: «Il rischio - non si può completamente escludere, anche se è limitato», aveva anticipato il governatore.

Con l'obiettivo lontanissimo dell'inflazione al 2%, diventa decisivo l'appuntamento della Bce del 22 gennaio: chi potrà opporsi all'acquisto massiccio di titoli di Stato?