© GettyImages

Via libera agli aumenti delle accise sul costo di benzina e gasolio disposti dal governo con un decreto legge per rifinanziare il Fondo per la cultura (Fus), la manutenzione dei beni culturali e per sostenere gli interventi per enti e istituzioni culturali. Servono 236 milioni di euro e le Dogane avranno tempo fino al 7 aprile per definire gli aumenti per il carburante che potrebbero anche essere inferiori al centesimo di euro (si parla di 0,8 centesimi). Il provvedimento delle Dogane sarà efficace dalla data di pubblicazione sul sito internet dell’Agenzia.
Intanto il presidente della Figisc Confcommercio, Luca Squeri, prevede che nei prossimi giorni la benzina potrebbe aumentare di 1-1,5 centesimi per litro. “Le quotazioni del greggio Brent sono arrivate ai 117 dollari/barile, la chiusura delle sessione del Platt's di giovedì 31 marzo ha fatto registrare movimentazioni in aumento nell'ordine di 1,0-1,5 centesimi/litro a seconda dei prodotti. Per i prossimi giorni - afferma Squeri - l'aspettativa è che i prezzi aumentino nell'ordine di 1,0-1,5 cente-simi/litro”.