La sede Electrolux a Stoccolma

Allarme rientrato: ieri, mentre un corteo di oltre 100 lavoratori sfilava per le strade di Roma, la multinazionale svedese Electrolux ha presentato il proprio piano industriale al ministero dello Sviluppo economico impegnandosi a mantenere l’attuale forza lavoro fino al 2017. Niente licenziamenti, dunque, e nemmeno tagli agli stipendi. Tra gli obiettivi: il raggiungimento di 15 milioni di pezzi all’anno e un investimento da 150 milioni di euro in Italia da spalmare, nei prossimi quattro anni, tra gli stabilimenti di Forlì, Solaro, Susegana e Porcia. Tuttavia su quest’ultimo sito gravano ancora delle incognite, poiché qui i valori di produzione sono dati in diminuzione. Dagli attuali 1,1 milioni di pezzi si passerebbe a circa 750 mila unità. A oggi Electrolux conta 61 mila dipendenti, di cui 5.715 in Italia.