Il piano Delrio-Morando fa un passo avanti: l’Ecobonus 65% varrà anche per i condomini. La detrazione sulle spese finalizzate alla riqualificazione degli immobili, dunque, verrà estesa anche alla ristrutturazione di interi edifici.

RIDUZIONE AL 65%. Sono oltre 12 milioni i vecchi palazzi che necessitano di lavori, e che potrebbero dunque beneficiare della riduzione del 65%; per chi non vi rientra è comunque stato previsto un fondo di 4-5 miliardi provenienti dalla Cassa depositi e prestiti, al fine di incentivare l’inizio dei lavori. Il nuovo Ecobonus entrerà nella prossima Legge di Bilancio, e mirerà ad una semplificazione che lo renda più efficace, in particolare grazie allo snellimento delle procedure di richiesta e alla creazione di un fondo che possa sostenere in anticipo le spese sostenute dalle aziende di costruzione.

ECOBONUS. Come funziona l’Ecobonus? La soluzione Delrio-Morando prevede l’istituzione di un fondo che finanzierà una società specializzata in lavori di riqualificazione (Esco); il 65% tornerà alla Esco in 10 anni, sotto forma di detrazioni fiscali. I condomini, invece, dovranno anticipare il 10% del costo della ristrutturazione, mentre la cifra restante verrà pagata attraverso le bollette, con un piccolo interesse. Tale procedura permetterà, secondo il Governo, di incentivare l’ammodernamento dei palazzi, con importanti benefici energetici, l’aumento del valore dei condomini e un riscontro positivo sul costo delle bollette.