BusinessPeople

Confindustria, l'opinione di Alberto Galassi (Gruppo Ferretti)

Confindustria, l'opinione di Alberto Galassi (Gruppo Ferretti) Torna a Ecco perché le aziende lasciano Confindustria
Venerdì, 09 Settembre 2016

 

Alberto Galassi, amministratore delegato del Gruppo Ferretti

Ferretti, il gruppo della nautica controllato dai cinesi di Weichai, che conta 55 mila dipendenti nel mondo e che nel 2014 ha registrato un fatturato di 16,2 miliardi, se ne è andato assieme ad altri 14 produttori di imbarcazioni. «Abbiamo deciso di uscire definitivamente da Confindustria», è la spiegazione dell’avvocato AlbertoGalassi, a.d. del gruppo, «per la mancanza di attenzione da parte dell’associazione, che oramai è diventata immobile. Dopo otto mesi di attesa non abbiamo ancora ricevuto una risposta alla nostra richiesta di riconoscere e unire Nautica Italiana all’interno di Confindustria, e questo a causa di lungaggini burocratiche, non-risposte e rinvii. La nostra decisione è stata ben ponderata, e al punto in cui si era arrivati non era più rinviabile». Secondo il numero uno dell’azienda, «la velocità e la flessibilità sono delle qualità essenziali nel nostro settore per poter soddisfare le richieste dei diversi mercati e purtroppo Confindustria opera con tempi di reazione significativamente più lunghi». «Per questo», conclude Galassi, «Nautica Italiana, l’associazione di cui facciamo parte, sta lavorando per organizzare un nuovo Salone Nautico in Toscana o in Liguria e forse anche a Milano, seguendo il successo della fiera di Düsseldorf, come esempio».

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2020 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media