© Getty Images

«La situazione dell’inflazione nell’Eurozona è diventata sempre più difficile». Mario Draghi torna a parlare dal 24esimo European Banking Congress a Francoforte e dà una speranza all'economia europea.

I vertici della Bce faranno «tutto quello che dobbiamo fare per alzare l’inflazione e le aspettative d’inflazione il più veloce possibile», ha promesso il presidente dell'Eurotower. E «se la nostra attuale direzione di politica monetaria non è abbastanza efficace per ottenere ciò, o si dovessero materializzare ulteriori rischi sull'outlook dell'inflazione, aumenteremo la pressione e amplieremo ancora di più i canali di intervento, modificando adeguatamente le dimensioni, il ritmo e la composizione dei nostri acquisti».

Una forte ripresa è «improbabile», ammette il governatore: «La situazione della bassa inflazione nell'area euro si sta facendo sempre più impegnativa e la Bce «deve stare molto attenta ad evitare che inizi a propagarsi nell'economia, in modi che peggiorino le prospettive di crescita economica e di inflazione»

Tornano a salire così le aspettative sul quantitative easing da parte della Banca centrale europea per sostenere la ripresa nel continente.