Una sola italiana tra le 500 società dell’area Emea in ascesa nel settore tecnologico. È questo il dato che balza all’occhio nell’ultima edizione del Technology Fast 500 Emea, report stilato da Deloitte che si basa sulla crescita media del fatturato delle aziende negli ultimi cinque anni; si tratta di una delle classifiche più autorevoli del settore hi tech, che premia gli sforzi e la dedizione delle aziende appartenenti a 26 Paesi di Europa, Medio Oriente e Africa. IL REPORT COMPLETO

AL TOP. Per il quarto anno consecutivo la Francia fa la parte del leone nella classifica Fast 500 Emea con 86 società nel ranking, seguita dal Regno Unito (71 società) e dall’Olanda (52).

L’ITALIANA. Al 388esimo posto in classifica si piazza Triboo (+380% di crescita in cinque anni), che si conferma per il secondo anno consecutivo tra le aziende Fast 500. “Siamo particolarmente orgogliosi di aver ricevuto questo prestigioso riconoscimento”, ha commentato il presidente di Triboo, Giulio Corno. “Crediamo di essere stati tra i primi in Italia ad aver interpretato correttamente il ruolo del Web come canale di vendita strategico per le aziende. Oggi – ha aggiunto – presidiamo il mercato digitale su due aree cruciali e a elevata crescita: il commercio elettronico, dalla creazione alla gestione della piattaforma, passando per la logistica e il customer-care, e il Web advertising dove, forti di uno dei maggiori network editoriali e di tecnologie innovative, forniamo sevizi e strategie di pianificazione pubblicitaria di ultima generazione. In futuro, porteremo avanti i progetti di internazionalizzazione già avviati nell’anno passato, per esportare il nostro modello di business vincente anche in altri mercati come Stati Uniti e Cina”.