Le vendite al dettaglio nel 2014 hanno registrato un calo dell'1,2%, per effetto della discesa dell'1,1% dei prodotti alimentari e dell'1,2% dei non alimentari.

Si tratta dell'ennesimo segno meno registrato dall'Istat dal 2010, anche se la dinamica negativa sembra in frenata.

La grande distribuzione ha riportato un calo dello 0,4% e le imprese operanti su piccole superfici dell'1,8%. A dicembre le vendite sono scese dello 0,2% su mese, ma hanno segnato una leggera risalita dello 0,1% su anno.

LA DINAMICA. Considerando quantità e prezzi, nel trimestre ottobre-dicembre 2014 l'indice diminuisce dello 0,1% sui tre mesi precedenti. Nel confronto con novembre 2014 (indice destagionalizzato), le vendite diminuiscono dello 0,2% sia per i prodotti alimentari che per quelli non alimentari.

Rispetto a dicembre 2013, l'indice grezzo delle vendite di prodotti alimentari aumenta dello 0,8%, quello dei prodotti non alimentari invece segna un calo dello 0,3%.

Con riferimento alla forma distributiva, nel confronto con il mese di dicembre 2013, le vendite segnano un aumento per le imprese della grande distribuzione (+0,6%) e una flessione per quelle operanti su piccole superfici (0,4%).