I pagamenti contactless piacciono agli italiani. La possibilità di avvicinare la propria carta di debito ed effettuare la transazione senza inserire il codice pin (per importi inferiori ai 25 euro) ha registrato un vero e proprio boom nei primi sei mesi dell’anno: un incremento del 360% rispetto al 2015. Certo, quel 360% va preso con le pinze, soprattutto in un settore che è ancora allo stato embrionale, ma i risultati dell’osservatorio Mastercard evidenziano il crescente interesse degli italiani per questo nuovi sistema di pagamento.

Le categorie di esercenti che guidano la diffusione del contactless in Italia sono il settore della grande distribuzione e della grande ristorazione, dove, secondo i dati Mastercard, il 35% delle transazioni è avvenuto in modalità contacless. Al secondo posto, il settore dell’abbigliamento (19%), seguito da piccoli ristoranti e bar (12%). Negli ultimi anni, il contactless ha raggiunto anche il sistema di trasporti pubblici cittadini e le cooperative e compagnie di taxi, soprattutto nelle grandi città, come Roma e Milano.