Arredamento, nel 2018 chiesti 1,8 mld di prestiti per acquistare mobili

Che sia per una nuova camera da letto, una cucina più moderna e funzionale, un divano maggiormente confortevole, non fa differenza: gli italiani si affidano al credito al consumo. Lo rivela l’Osservatorio Compass (società di credito al consumo del gruppo Mediobanca) sul settore dell’arredamento, secondo cui lo scorso anno i nostri connazionali hanno chiesto, in media, un prestito di 2.536 euro per arredare casa, il 4,3% in più rispetto al 2017. Complessivamente, nel 2018 i finanziamenti erogati in questo settore hanno raggiunto quota 1,8 miliardi di euro, il 5,9% in più rispetto alla rilevazione precedente. Ma quali sono le stanze per cui di è disposti a spendere maggiormente? Il soggiorno: per il 38% degli intervistati è l’ambiente verso cui dirottare la parte più consistente della spesa. In linea generale, c’è una grande attenzione alla sicurezza e al risparmio energetico, indicati come priorità rispettivamente dal 38% e dal 30% degli intervistati. Ultime posizioni, invece, per intrattenimento connesso on line (9%) e dispositivi per la salute (11%).

L’auto sorpassa l’arredamento nel credito al consumo

Nonostante le richieste crescenti per l’arredamento, il settore del credito al consumo è dominato ancora oggi dall’automobile: nel 2018, gli italiani hanno chiesto finanziamenti pari a 16,8 miliardi di euro per acquistare una macchina. I prestiti nel settore dell’elettronica si sono fermati invece a 1,2 miliardi.
In generale, è positivo il trend generale del credito al consumo tramite convenzionati: complessivamente, infatti, lo scorso anno sono stati erogati 20,6 miliardi di euro, per un +17,3% sul 2017. Fra l’altro, per la prima volta dal 2013, anche i giovani under 30 sono tornati a chiedere prestiti personali finalizzati. Tuttavia, le previsioni per quest’anno non sono buone. Secondo il report di Compass soltanto il 31% si dice ottimista per il 2019 sulla situazione economica della propria famiglia.