Il credito si compra su Amazon

jeff bezos amazon lending

Amazon presta soldi alle piccole e medie imprese fornitrici che così aggirano il credit crunch. E il patron incassa tassi ai limiti dell'usura

Amazon presta soldi e diventa una banca. Dopo librerie, store di cibo, fornitore di cloud e casa di produzione tv, il colosso di Jeff Bezos tra i suoi molteplici servizi offre anche una fornitura di credito alle piccole e medie imprese che collaborato con Amazon. Il servizio Amazon Lending ha superato i tre miliardi di prestiti dal 2011, anno del lancio.

AMAZON PRESTA SOLDI ALLE IMPRESE

La piattaforma offre finanziamenti a breve termine , con scadenza massima a un anno , ma con tassi di interesse al limite dell'usura: tra il 6 e il 17% . I destinatari sono le micro, piccole e medie imprese che vendono i loro prodotti su Amazon e che hanno trovato così una boccata d'ossigeno in pieno credit crunch . A premiare Amazon Lending è soprattutto la velocità , come sempre nella storia di Bezos: i fondi vengono erogati in 24 ore e la riscossione avviene tramite addebiti sul conto del venditore con addebiti ogni due settimane. A fare da garanzia è la merce ospitata nei magazzini, che può essere bloccata in caso di mancati pagamenti.

Mentre i beneficiari sono stati complessivamente circa 20 mila piccole imprese, soprattutto in Giappone, Gran Bretagna e Usa, s olo nell'ultimo anno, il colosso ha prestato oltre un miliardo di euro per tenere in piedi queste pmi che rappresentano metà delle transazioni sul marketplace di Seattle . Proprio per investire sul legame tra piccole e grandi aziende, anche Renzo Ross o nel 2013 aveva lanciato una linea di credito agevolato alle pmi (leggi la storia ).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.