56Cube, un incubatore di start-up per il Mezzogiorno

© Ove Tøpfer

Nata dall’esperienza della milanese Digital Magics la nuova società punta a promuovere lo sviluppo delle giovani imprese innovative del settore internet, anche grazie alla partnership con l’università di Salerno

Affiancare i talenti a giovani imprenditori, offrendo loro un primo finanziamento, un supporto dal punto di vista delle risorse umane, del marketing e dell’amministrazione per realizzare la propria start-up. E’ l’obiettivo di 56Cube , un incubatore di start-up innovative nel settore internet che sarà presentato mercoledì 7 novembre a Napoli in occasione della quarta edizione del TechnologyBiz 2012 .
Nata all’interno della milanese Digital Magic – società che dal 2008 ha investito circa 10 milioni di euro creando 30 imprese innovative – la neonata 56Cube, sede a Fisciano (Salerno) si rivolge in particolare alle aziende del Mezzogiorno. “Con 56Cube – afferma il fondatore Gennaro Tesone – ci rivolgiamo a tutti i creatori del Sud Italia che abbiano una business idea innovativa nel settore internet e che abbiano voglia di fare impresa nella digital economy italiana”.
Muovere i primi passi in assenza di contatti e di supporto non è semplice, ma con l’affiancamento di strutture di sostegno competenti ed organizzate le idee più brillanti degli imprenditori in erba possono diventare realtà. In questo senso, un punto di forza di 56Cube è la collaborazione con l’Università degli Studi di Salerno , attraverso la quale si cercherà di creare un sistema virtuoso, a livello territoriale, per la promozione delle imprese innovative nel settore IT.
Valorizzare questo segmento in Italia e nel Mezzogiorno è urgente, soprattutto considerando che, come nota il fondatore di Digital Magics, Enrico Gasperini “potenzialmente il digitale, start-up comprese, potrà contribuire alla metà della crescita del Pil nel nostro Paese”. Per il momento 56Cube, in occasione del TBiz 2012, accetterà questa sfida presentando le prime due start up incubate . Si tratta di You-ng , un progetto di editoria indipendente direttamente finanziato dagli utenti e del network digitale di professionisti SkillMe . I giovani promotori di queste iniziative saranno traghettati così nel mondo del business, forti di un know how in grado di fare la differenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.